• La mannaia della Tari


    tari-rifiuti-tassa2019-x0-6-800x445

    Senigallia 17/03/2019 – Nelle scorse settimane, più o meno scaglionata, è arrivata a tutti la T.A.R.I., creando subito molta agitazione tra privati ed imprenditori che ancora una volta si sono visti presentare il conto di una quarta rata. Ma come?!? Il sindaco pro-tempore Mangialardi, non andava raccontando che la quarta rata era una cosa eccezionale, dovuta agli eccessivi spiaggiamenti conseguenti all’alluvione ed alle potature per la messa in sicurezza dell’alveo fluviale?

    Il Comune avrebbe dovuto e potuto rivalersi sulle ditte che non avevano svolto correttamente il loro lavoro, ma non lo fece e decise di far pagare il costo a cittadini ed attività commerciali. Doveva essere una cosa limitata ad un solo anno, invece sono già ben tre anni che la paghiamo… e questa quarta rata, incide per il 25% sul costo totale che ogni cittadino ed imprenditore deve pagare, mettendo entrambe le categorie in grave difficoltà economica. Sindaco pro-tempore, non può giustificarsi dicendo che è il governo ad aver tolto l’applicazione dei coefficienti di riduzione da certe categorie, qui il problema è un altro: quel 25% in più non doveva esserci affatto.

    Non solo: continuiamo a far vendere e quindi a far guadagnare, dai proventi della vendita dei materiali riciclabili derivanti dalla raccolta differenziata, le aziende che ritirano tali materiali con la raccolta porta a porta, invece di chiedere come Comune parte di quei proventi od una scontistica sui costi di ritiro, come fanno tante altre municipalità in Italia e nel mondo, cosa che contribuirebbero a far abbassare la T.A.R.I. a tutti, cittadini ed aziende.

    Quindi potremmo passare da una riduzione del 25% (4a rata) ad un ulteriore 10% – 15%. Ma non è finita qui: paghiamo tutti noi cittadini la pulizia per gli eventi estivi, senza chiedere neppure un centesimo a chi gli eventi li organizza, cosa che incide per centinaia di migliaia di euro ogni anno, e potrebbe ridurre la nostra tari di un altro 15% – 20% La gestione della cosa pubblica a firma della sua amministrazione, sig. Sindaco pro tempore Mangialardi, sta mettendo in ginocchio esercizi commerciali e famiglie.

    È ora di dire basta. Senigallia Bene Comune è dalla parte delle famiglie e degli imprenditori tutti e si associa al loro malcontento, dimostrando come riportato sopra, che una gestione diversa della città è possibile ed augurandosi che i cittadini lo capiscano e ci diano modo di poterlo fare.

    Lista Civica
    Senigallia Bene Comune

    Collegamenti:

  • Aperture domenicali? No grazie!

    386624_cfakepathshopping21633231280_ralf

    Senigallia 07/03/2019 – Senigallia Bene Comune è formata da cittadini di buon senso, che in tutto ciò che hanno fatto e vorrebbero fare in futuro per la città pongono al centro le persone, credendo che fare buona politica voglia dire supportare i concittadini nella loro quotidianità, restituendo alle persone ed alle loro famiglie quella centralità che troppo a lungo il denaro ed interessi liberisti (cosa ben diversa dall’essere liberali) ha loro sottratto.

    In questo senso furono sicuramente di ispirazione le parole che pronunciò Robert Kennedy il 18/03/1968 presso l’università del Kansas, un discorso nel quale evidenziava, tra l’altro, l’inadeguatezza del PIL come indicatore del benessere delle nazioni economicamente sviluppate, parole che vogliamo qui ricordare per meglio comprendere quanto diremo successivamente.

    “Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni. Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow-Jones, né i successi del paese sulla base del Prodotto Interno Lordo. Il PIL comprende anche l’inquinamento dell’aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana. Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.

    Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l’intelligenza del nostro dibattere o l’onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell’equità nei rapporti fra di noi. Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta. Può dirci tutto sull’America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani”.

    Ben vengano quindi leggi dello Stato che vadano nella direzione indicata da Kennedy, facendo riappropriare il cittadino di quella dimensione umana, domestica e familiare, che favorisce le relazioni personali, consentendo di rinsaldare le amicizie ed i legami interpersonali, lasciando alle persone il tempo per “respirare” e riflettere sul senso della propria vita, lontano dal consumismo e dai ritmi sfrenati del “turbocapitalismo” finanziario, che ci vorrebbe imporre il diktat “lavora-consuma-crepa”!

    Siamo favorevoli a norme che diano strumenti al cittadino di riappropriarsi della propria vita. Ci uniamo quindi agli auspici della CNA sull’approvazione della nuova legge sulle “Chiusure Domenicali”, perché sia possibile “migliorare la qualità della nostra vita se teniamo chiuso”, come indicato dalla CNA e da noi sostenuto con diversi articoli già nel 2018. Come dice lo stesso responsabile provinciale di CNA, la legge può essere migliorata, e siamo perfettamente d’accordo, per venire incontro anche alla GDO che ne viene penalizzata, ma bisogna anche capire che il tessuto sociale degli 8.000 Comuni italiani è più importante e viene prima dei profitti delle multinazionali. Bisogna capire che tutte le attività a conduzione familiare che non hanno turnazione di personale e non possono assumerne, tirano un sospiro di sollievo. Forse, questa legge consentirà a molte coppie di non dover più scegliere tra il lavoro e la famiglia.

    Certo, tutto questo richiede sforzi e sacrifici, soprattutto per coloro che sono incapaci di immaginarsi qualcosa di diverso dalla capatina domenicale al centro commerciale, ma consentirà il rilancio di attività ricreative e la rivitalizzazione dei parchi, dei centri storici, delle piazze, di una dimensione umana ormai persa.

    Con questo spirito di primavera e di rinascimento umanistico, applaudiamo alla nuova normativa e siamo fianco a fianco con le lavoratrici ed i lavoratori che troppo a lungo si sono sacrificati per interessi altrui.

    Ponendo al centro questi valori ed i cittadini, S.B.C. si rende disponibile per promuovere un confronto locale su questa importante tematica.

    Lista Civica
    Senigallia Bene Comune

    Collegamenti:

  • SBC chiede di far chiarezza sull‘insabbiamento alla foce del Misa

    Senigallia Bene Comune chiede di far chiarezza sull’insabbiamento alla foce del Misa: “Troppo tempo è passato senza alcuna soluzione”

    “I cittadini si stanno facendo sentire. Come è giusto che sia, perché noi componenti di Senigallia Bene Comune riteniamo che la politica, quella vera, lontana dalle logiche di partito, sia fatta dai cittadini.

    La situazione drammatica della foce del fiume Misa è ormai sotto gli occhi di tutti.  Dopo una serie di video che circolano sulla rete, il Comune corre ai ripari. Almeno tenta. I lavori eseguiti ieri alla foce, così come le dichiarazioni del Sindaco, paiono più un palliativo che una riparazione vera e propria.

    La storia dell’ordinanza 50 del 31/01/2017, è risaputa ma invitiamo i cittadini a documentarsi leggendo gli atti ufficiali a questo link:

    http://www.senigalliabenecomune.it/ennesima-figuraccia-di-mangialardi-in-regione-sul-misa/

    La città ha il diritto di sapere cosa è stato fatto! Sono passati due anni dalla notifica dell’ordinanza, ed il Comune cosa ha fatto, visto che la Regione non è intervenuta? Sindaco, avete eseguito i lavori, addebitando poi i costi alla Regione? Non pare. Sindaco, avete segnalato la situazione in Procura, come è previsto nell’ordinanza da lei firmata? Non ci risulta.

    Invece di altre parole, Sindaco pubblichi i documenti che attestino ciò che dice. Altrimenti le parole volano via……..

    Senigallia Bene Comune l’11/02/2019 ha depositato la mozione che è allegata a quest’articolo perché si discuta in Consiglio comunale di questa grave situazione.

    QUI SOTTO LA MOZIONE DI SENIGALLIA BENE COMUNE:

    2019.02.11 Mozione ordinanza sindacale n. 50 del 2017

    Lista Civica
    Senigallia Bene Comune

    Allegati:

     

    Collegamenti:

    Foto:

    senigallia-misa-foce-insabbiamento2019-02-17-x0-1 senigallia-misa-foce-insabbiamento2019-02-17-x0-2 senigallia-misa-foce-insabbiamento2019-02-17-x0-5 senigallia-misa-foce-insabbiamento2019-02-17-x0-6
  • Lo “Schiaffo” del M.E.F. alle controdeduzioni del Comune di Senigallia

    conflittointeressi

    Senigallia 18/01/2019 – Sulla vicenda dell’ispezione del M.E.F. rivolgiamo un invito al sindaco: renda pubblica tutta la documentazione, iniziando dalla fine, dalla risposta del Ministero. E poi vedremo chi si deve vergognare.

    La risposta del M.E.F. alle controdeduzioni del Comune, difatti, è molto poco edificante e rassicurante, a differenza di quanto vorrebbe farci credere il sindaco pro-tempore Mangialardi, nella sua conferenza stampa del 16/01/2019.

    Il M.E.F. scrive che in molti casi “I chiarimenti forniti dall’Ente confermano le irregolarità riscontrate” e, laddove viene addotta come giustificazione una interpretazione della normativa non in linea con quanto invece ritiene si debbano interpretare tali norme, il M.E.F. fornisce come esempio specifiche indicazioni su come andrebbe interpretata e porta riferimenti attuativi di altre realtà della P.A. che invece le hanno applicate correttamente.

    In merito agli incarichi dirigenziali prorogati, alla mancata pubblicazione sul sito istituzionale del previsto avviso, alle mancate percentuali previste, il M.E.F. non fa sconti e dice chiaramente che “le argomentazioni addotte non possono ritenersi esaustive al fine di sanare le situazioni pregresse in questione” e rimanda alla Magistratura Contabile; analoghe valutazioni vengono fatte in merito alle “Carenze nel processo di valutazione ai fini della retribuzione di risultato stante la tardiva definizione degli obiettivi ed il disallineamento rispetto al ciclo di gestione della performance”. E ancora: “le argomentazioni addotte non possono ritenersi esaustive al fine di sanare le situazioni pregresse con riferimento ai compensi erogati a favore della Polizia Municipale atteso che, a favore di questi ultimi, è già prevista una specifica indennità di turno”.

    Ma non finisce qui, su uno degli altri punti contestati, il M.E.F. mette “nero su bianco” che: “I chiarimenti forniti dal Comune non sono sufficienti a far ritenere superato il rilievo, in quanto non risolvono la criticità principale riscontrata in sede ispettiva, ovvero l’assenza di una vera e propria attività di progettazione, presupposto principale per l’erogazione dell’incentivo in questione, non riscontrabile negli interventi di manutenzione stradale esaminati in sede ispettiva” […] “Già prima della modifica normativa appena citata, la giurisprudenza contabile aveva chiarito che l’incentivo alla progettazione non può venire riconosciuto per qualunque lavoro di manutenzione ordinaria/straordinaria su beni dell’ente locale ma solo per lavori di realizzazione di un’opera pubblica alla cui base vi sia una necessaria attività di progettazione”. Quindi la nostra amministrazione doveva sapere che stava interpretando erroneamente una norma a favore di un proprio dirigente o tecnico, in quanto tale norma era già stata chiarita in tal senso.

    E veniamo infine ai Servizi Sociali, dove veniva contestato il reiterato ricorso a proroghe di precedenti affidamenti diretti, per di più in relazione ad appalti che per il loro valore avrebbero dovuto essere affidati con procedure che garantissero i principi di trasparenza, pubblicità e concorrenza; beh, che dire, anche qui il M.E.F. è impietoso, mostrando tutti i limiti di questa amministrazione, dicendo che le giustificazioni addotte non sono in alcun modo soddisfacenti e che lo strumento della proroga è uno strumento eccezionale, non da usarsi come strumento ordinario, come è stato fatto con disinvoltura da questa amministrazione e, cosa ancor più grave, vi si deve ricorrere se la causa non dipende dalla stazione appaltante, cioè dal Comune, esplicitando il fatto, che è l’Amministrazione Comunale stessa la causa del ritardo, cosa forse voluta, proprio per ricadere nell’eccezionalità di tale strumento?! A quanto pare, il Comune perde il pelo ma non il vizio, perché si sta comportando nello stesso modo in merito all’affidamento alla UISP della gestione delle attività sportive alla Saline, ma su questo vi terremo aggiornati con altri articoli…

    Nel chiudere e rinviare alla Magistratura contabile, il M.E.F. avvisa i nostri amministratori che “dalla mancata tempestiva regolarizzazione della gestione potrebbero derivare ulteriori danni ascrivibili ai funzionari dell’Ente verificato, responsabili dell’omesso o ritardato intervento”.

    A pagare ovviamente son sempre i cittadini, visto che in diverse situazioni, anche recenti, questa amministrazione comunale ha scaricato (vedi l’aumento T.A.R.I. nel 2017) sulle loro tasche aumenti che potevano esser addebitati ad altri soggetti.

    Lista Civica
    Senigallia Bene Comune

     

    Collegamenti:

  • Su Uisp e piscina Saline di Senigallia il sindaco non risponde

    20150319-piscina-saline-senigallia2

    Senigallia 28/01/2019 – Ho letto con estrema attenzione la replica del sindaco all’articolo firmato dalla Lista che rappresento in Consiglio. Resto basito da quanto scritto, potrei definirmi divertito se non si parlasse di sperpero di denaro pubblico, avvenuto in tutti questi anni di gestione della piscina data senza alcuna gara.

    La linea politica mia e della Lista che rappresento è improntata alla massima trasparenza e verità, altro che “distorsione per lo più deliberata della verità e realtà dei fatti, che ha come effetto la diffusione di opinioni erronee o giudizi tendenziosi, al fine di trarre vantaggio dalla credulità altrui” (definizione da vocabolario Treccani del termine “mistificazione”). Che un sindaco voglia rispettare la legge, come da lei scritto, è un’ovvietà che però ha fatto bene a scrivere, vista la sua tristemente nota lettera del 14/05/2015 con cui anticipava alla U.I.S.P. di aver dato disposizioni agli uffici di rinnovare la gestione per altri due anni, cosa poi avvenuta con delibera di giunta n. 151 del 30/07/2015.

    E ciò quando all’epoca, come oggi, la legge prevede la facoltà di affidare la gestione ad un terzo, MA individuato tramite gara pubblica e non tramite una lettera. Perché nel 2015 non l’avete indetta la gara? E questo è un aspetto che le è stato ricordato abbondantemente anche dal M.E.F. nei suoi atti successivi alla ispezione. Sulla gara europea attualmente aperta, il termine per la presentazione delle domande non è il 3 marzo, come da lei scritto, ma il 4 marzo 2019 ore 13:00.

    Ah, nell’articolo a cui lei ha replicato, mai è stato chiesto di revocare l’affidamento della piscina alla U.I.S.P., ma – legga bene con attenzione – abbiamo chiesto di non andare avanti con questa gara perché il progetto è stato approvato oltre il termine perentorio previsto dalla legge. Si informi. Un’ultima cosa: io sono portavoce dei cittadini e non di realtà interessate alla gestione degli impianti sportivi. Questo lo lascio fare ad altri.

    Lista Civica
    Senigallia Bene Comune

     

    Collegamenti: